Corti, Maria (Milano, 1915 settembre 7 - Milano, 2002 febbraio 22)

Nasce a Milano, dove si forma alla scuola di Antonio Banfi e Benvenuto Terracini. Insegnante nelle scuole secondarie superiori, poi docente universitaria a Lecce e a Pavia, dove fonda nel 1969 il Fondo manoscritti di autori contemporanei (poi Centro di Ricerca sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei). Ha collaborato a “Paragone” e “La Repubblica”, codiretto “Strumenti critici”, “Alfabeta”, “Autografo”, e curato la collana editoriale “Nuova Corona” di Bompiani. Tra gli studi: Metodi e fantasmi (1969 e 2001), Principi della comunicazione letteraria (1976), Dante a un nuovo crocevia (1981), La felicità mentale. Nuove prospettive per Cavalcanti e Dante (1983), Percorsi dell'invenzione. Il linguaggio poetico e Dante (1993); tra le opere narrative: L'ora di tutti (1962), Il canto delle sirene (1989), Ombre dal fondo (1997).
[Cfr. DLI, p. 236; DBDL, pp. 346-347]

Funzioni e occupazioni

  • insegnante
  • docente universitaria
  • critica
  • narratrice

Complessi archivistici

Fonti

  • DLI = Dizionario della Letteratura italiana, Garzanti, 2005
  • DBDL = Dizionario biografico delle donne lombarde, Baldini & Castoldi, 1995

Compilatori

  • Silvia Albesano