Naldini, Nico (Casarsa della Delizia, 1929 -)

Altre denominazioni: Naldini, Domenico [nome all'anagrafe]

Nasce a Casarsa della Delizia (PN). È cugino, per parte di madre, di Pier Paolo Pasolini, grazie al quale riesce a pubblicare, nel 1948, le sue prime poesie dialettali friulane. Ha vissuto e lavorato per lunghi periodi a Milano e a Roma.
Tra i suoi scritti, le raccolte poetiche Seris par un frut (1948), Un vento smarrito e gentile (1958), La curva di San Floreano (1988), Aymen Aymen (2005), I confini del paradiso (2006); i saggi La vita e le lettere di Giacomo Leopardi (1982), Nei campi del Friuli (1984), Vita di Giovanni Comisso (1985), Alfabeto degli amici (2004), Come non ci si difende dai ricordi (2005).
Ha curato Lettere 1940-1954 (1986), Lettere 1955-1975 (1988), Poesie e pagine ritrovate (1980, con Andrea Zanzotto) di Pier Paolo Pasolini.
Ha diretto il film documentario Fascista (1974).

Funzioni e occupazioni

  • poeta
  • giornalista
  • critico
  • saggista
  • regista cinematografico

Complessi archivistici

Compilatori

  • Silvia Albesano