Quarantotti Gambini, Pier Antonio (Pisino d'Istria, 1910 - Venezia, 1965)

Nasce a Pisino d'Istria (Pazin). Trascorre l'infanzia tra l'Istria e Trieste, laureandosi poi in Giurisprudenza a Torino. Amico di Umberto Saba, frequenta gli ambienti letterari dei caffè triestini e, dal 1942 al 1945, dirige la Biblioteca civica di Trieste. Nel 1945 si trasferisce a Venezia, da dove dirige l'emittente radiofonica clandestina Radio Venezia Giulia. Collabora con i quotidiani “La Stampa”, “Il Tempo” (edizioni di Milano e Roma), “Il Messaggero” e il “Corriere della Sera”, e le riviste “L'Italia letteraria”, “Solaria”, “Omnibus”, “La fiera letteraria”, “Il Ponte”, “L'Illustrazione italiana”, “Il Mondo”.
Tra le opere narrative: I nostri simili (1932), La rosa rossa (1937, 1960), L'onda dell'incrociatore (1947), Il cavallo Tripoli (1956), La calda vita (1958), I giochi di Norma (1964).
Tra le raccolte poetiche: Racconto d'amore (1965), Al sole e al vento (postumo, 1970).
[Cfr. DLI, p. 593]

Funzioni e occupazioni

  • narratore
  • poeta
  • critico letterario

Complessi archivistici

Fonti

  • DLI = Dizionario della Letteratura italiana, Garzanti, 2005

Compilatori

  • Silvia Albesano