Compagnone, Luigi (Napoli, 1915 - Napoli, 1998)

Nasce a Napoli, dove compie gli studi e inizia un'intensa attività giornalistica. Nel 1945, insieme ad altri giovani intellettuali napoletani, fra cui Domenico Rea, Francesco Rosi, Raffaele La Capria ed altri dà vita alla rivista “Sud”. A quella giornalistica, Compagnone affianca presto la scrittura letteraria, narrativa e poetica. Tra i suoi romanzi: L'onorata morte (1960), L'amara scienza (1965), Capriccio con rovine (1968), Le notti di Glasgow (1970), Città di mare con abitanti (1973), Ballata e morte di un capitano del popolo (1974), Malabolgia (1981), Napoli visionaria (1981), Mater Camorra (1987), Gli assassini della Luna (1994), Totò ovvero il pasticcio napoletano (1994). Tra le raccolte poetiche: La giovinezza reale e l'irreale maturità (1981).
[Cfr. DLI, p. 224]

Funzioni e occupazioni

  • giornalista
  • narratore
  • poeta

Complessi archivistici

Fonti

  • DLI = Dizionario della Letteratura italiana, Garzanti, 2005

Compilatori

  • Silvia Albesano