Squatriti, Fausta (1941 -)

Fausta Squatriti, nata a Milano nel 1941, opera nelle arti visive e nella scrittura. Scoperta inizialmente da Pierre Lundholm, che la espone a Stoccolma, in seguito lavorerà per anni con Alexander Iolas, Denise Renée e Karin Fesel, esponendo le proprie sculture a New York, Tel Aviv, Huston, Ginevra, Honolulu, Caracas, Dusseldorf, Parigi, e sucessivamente anche in Italia, al Naviglio, da Marconi e alla Fondazione Mudima. Inizia ad insegnare nel ’77 all’Accademia di Belle Arti, Carrara, Venezia e Brera, a Milano.
E’ più volte invitata come visiting professor all’Academie des Beaux Arts a Mons e alla University at Manoa, a Honolulu. E’ invitata a numerose Biennali internazionali di grafica e vince due premi alla International Print Biennial di San Francisco.
È curatrice della mostra storica “Colore” alla Biennale di Venezia dell'86, e suoi saggi sull’argomento sono pubblicati nei relativi cataloghi.
Nel ’92 fonda, con Gaetano Delli Santi, la rivista interdisciplinare “Kiliagono” pubblicata da Scheiwiller (All’Insegna del Pesce d’Or)o.
Nel ’97 crea con Francesco Leonetti il Teatro dell’autore in scena, brevi testi di artisti e poeti appositamente scritti, impegnati a gestirne la recitazione senza ricorrere all’attore, che esordisce alla Fondazione Mudima, Milano, con successive prove nell’ambito di “Ricercare” a Reggio Emilia, a Venezia per il “Festival della parola”, a Milano per “Teatri ‘90”, Teatro Franco Parenti e di nuovo alla Fondazione Mudima.
Nel 2006 pubblica il romanzo Crampi (ed. Abramo).
Nel 2008 è andato in scena a Parigi al teatro “Mains d’oeuvre” lo spettacolo di danza “The stillest”, coreografia di Eric Senen, per il quale ha creato l’immagine per la scena, con musica di Davide Anzaghi.
Nel 2010 è uscito per" Charta" la monografia “Ecce homo”, con testi di Evelina Schatz, Elisabetta Longari, Angela Madesani, Michail Pogarskij, in russo, inglese, italiano, all’occasione della personale al Moscow Museum of Modern Art. Nel 2010 ha esposto a Mosca, al Darwin Museum ed a Brartislava, nella mostra “Alla gloria militar”, e in numerose mostre dedicate al libro d’artista, a Kiev, Rostov on Don, Mosca, Londra, Milano.
Nel 2009 ha vinto il premio di poesia “Scrivere donna”, con “Filo a piombo”, prefazione di Gilberto Finzi, edizioni Tracce, Pescara. Sempre nel 2011 espone al Centre Pompidou, Paris, nella mostra “Elles”.

Complessi archivistici

Compilatori

  • Inserimento dati: Nicoletta Trotta - Data intervento: 16 giugno 2014