Negri, Ada (Lodi, 1870 febbraio 3 - Milano, 1945 gennaio 11)

Nasce a Lodi; rimasta orfana in giovane età, nonostante le difficoltà economiche, ottiene il diploma magistrale e diventa insegnante. La pubblicazione sull'“Illustrazione popolare” delle prime poesie, presto raccolte in volume da Treves, apre la carriera letteraria. Viaggia e soggiorna in numerosi paesi stranieri, soprattutto in Svizzera, per poi rientrare in Italia, allo scoppio della prima guerra mondiale, durante la quale assiste i feriti all'ospedale “Santa Corona” di Milano. Tra le raccolte poetiche: Fatalità (1892), Tempeste (1895), Il libro di Mara (1919), I canti dell'isola (1924), Fons amoris (1939-1943).
[Cfr. DLI, pp. 504-505 e Cremascoli 1995]

Funzioni e occupazioni

  • maestra elementare
  • poetessa
  • narratrice

Complessi archivistici

Fonti

  • Cremascoli 1995 = Ada Negri e il suo tempo. Catalogo della mostra, a cura di Luigi Cremascoli, Lodi, La grafica, 1995
  • DLI = Dizionario della Letteratura italiana, Garzanti, 2005

Compilatori

  • Silvia Albesano
  • Aggiornamento scheda: Gabriele Rossini - Data intervento: 30 marzo 2016