Bontempelli, Massimo (Como, 1878 maggio 12 - Roma, 1960 luglio 21)

Nasce a Como, compie gli studi a Torino, laureandosi in Lettere, per poi trasferirsi a Firenze, e a Milano, dove lavora come collaboratore editoriale e giornalista (“Nazione”, “Corriere della Sera”). Interventista e volontario nella prima guerra mondiale, nel dopoguerra si stabilisce a Roma, dove con Malaparte dà vita alla rivista “Novecento”. Nel secondo dopoguerra si accosta all'estrema sinistra, tentando senza successo di inserirsi nella politica. Tra le sue opere narrative: Gente nel tempo (1937), L'amante fedele (1953).
[Cfr. DBI, vol. XII, pp. 417-126]

Funzioni e occupazioni

  • narratore
  • giornalista

Complessi archivistici

Fonti

  • DBI = Dizionario biografico degli Italiani, Istituto della enciclopedia italiana, 1960 -

Compilatori

  • Silvia Albesano